Torna all'homepage
Spiritualità
 
 
CARTA DEI DIRITTI
LO STATUTO
MODULO ISCRIZIONE
SEDI REGIONALI




Scrivici

04 January, 2016

È nella famiglia che si sperimenta la gioia del perdono!
di -


Papa Francesco celebra il Giubileo delle Famiglie, paragonando il loro pellegrinaggio verso la Porta Santa al cammino di Maria, Giuseppe e Gesù verso il Tempio di Gerusalemme

Un evento che corona un anno vissuto da papa Francesco in stretta simbiosi con le famiglie di tutto il mondo: decine di Udienze Generali dedicate alle problematiche della famiglia di oggi alla luce del Vangelo; in settembre l’Incontro Mondiale delle Famiglie a Philadelphia; in ottobre, infine, l’Assemblea Sinodale Ordinaria dei Vescovi sul medesimo tema.

Stamattina è stata la volta della Festa della Sacra Famiglia, che il Pontefice ha voluto far coincidere con il Giubileo delle Famiglie, dando vita, così, al primo grande appuntamento nell’Anno Santo della Misericordia.

Durante la messa celebrata nella basilica di San Pietro, il Papa ha posto subito una similitudine tra le famiglie giunte pellegrine a Roma e quelle menzionate nelle letture odierne: Elkana e Anna che portano il figlio Samuele al Tempio di Silo e lo consacrano al Signore (cfr 1 Sam1,20-22.24-28); Giuseppe e Maria che conducono Gesù al Tempio di Gerusalemme per la Pasqua (cfr Lc 2,41-52).

In questi giorni, migliaia di famiglie si mettono in cammino per il passaggio della Porta Santa nelle cattedrali e nei santuari di tutto il mondo. “Papà, mamma e figli, insieme, si recano alla casa del Signore per santificare la festa con la preghiera - ha commentato il Santo Padre -. È un insegnamento importante che viene offerto anche alle nostre famiglie”.

È confortante sapere, ha aggiunto, che Maria e Giuseppe insegnarono a Gesù a “recitare le preghiere” e che “durante la giornata pregavano insieme”, andando poi il sabato in Sinagoga per “lodare il Signore con tutto il popolo”.

Oggi, ha proseguito Francesco, vi sono famiglie che si ritrovano a “camminare insieme” con “una stessa meta da raggiungere”. Un cammino lungo il quale “incontriamo difficoltà ma anche momenti di gioia e di consolazione”, condividendo anche “il momento della preghiera”.

Non c’è nulla di più bello, ha detto il Pontefice, per un padre o una madre del “benedire i propri figli all’inizio della giornata e alla sua conclusione”, tracciando sulla loro fronte “il segno della croce come nel giorno del Battesimo”. I figli vengono così affidati dai genitori al Signore, “perché sia Lui la loro protezione e il sostegno nei vari momenti della giornata”.

La preghiera prima dei pasti, con il relativo ringraziamento al Signore e la condivisione del cibo con chi è più nel bisogno, “sono tutti piccoli gesti, che tuttavia esprimono il grande ruolo formativo che la famiglia possiede”, ha commentato il Papa.

Il Vangelo descrive poi il ritorno a Nazareth della Sacra Famiglia, con Gesù sottomesso ai suoi genitori (cfr. Lc 2,51): “Anche questa immagine contiene un bell’insegnamento per le nostre famiglie”, ha sottolineato il Pontefice.

“Il pellegrinaggio, infatti - ha aggiunto - non finisce quando si è raggiunta la meta del santuario, ma quando si torna a casa e si riprende la vita di tutti i giorni, mettendo in atto i frutti spirituali dell’esperienza vissuta”.

Quanto alla “scappatella” di Gesù, che, per parlare con i dottori del Tempio, smarrisce i suoi genitori, probabilmente anche lui “dovette chiedere scusa”, ha commentato il Santo Padre, sebbene il Vangelo non lo dica esplicitamente.

“La domanda di Maria, d’altronde, manifesta un certo rimprovero, rendendo evidente la preoccupazione e l’angoscia sua e di Giuseppe”, tuttavia, un volta a casa, “Gesù si è stretto certamente a loro, per dimostrare tutto il suo affetto e la sua obbedienza”.

Francesco ha quindi auspicato che “nell’Anno della Misericordia, ogni famiglia cristiana possa diventare luogo privilegiato in cui si sperimenta la gioia del perdono”, poiché “il perdono è l’essenza dell’amore che sa comprendere lo sbaglio e porvi rimedio. Poveri noi se Dio non ci perdonasse!”.

È proprio “all’interno della famiglia che ci si educa al perdono, perché si ha la certezza di essere capiti e sostenuti nonostante gli sbagli che si possono compiere”.

In conclusione, papa Francesco ha esortato a non perdere “la fiducia nella famiglia”, aprendo sempre “il cuore gli uni agli altri, senza nascondere nulla”: si tratta di una vera e propria missione “di cui il mondo e la Chiesa hanno più che mai bisogno”, ha poi concluso.

02 October, 2015

Cammino Neocatecumenale a Philadelphia: oltre 1000 famiglie si offrono per evangelizzare il mondo
di -


All’evento, presieduto dall’arcivescovo Chaput, hanno partecipato circa 40mila persone

Philadelphia, 29 Settembre 2015 (ZENIT.org)
Oltre 40.000 membri del Cammino Neocatecumenale hanno preso parte ad un Incontro Vocazionale che si è svolto nella notte di ieri, lunedì 28 settembre, a Philadelphia, dopo aver assistito all’Incontro mondiale delle Famiglie insieme a Papa Francesco. Altre 4mila lo hanno seguito in diretta streaming su internet.
L’evento, che ha avuto luogo nel Wells Fargo Center, è stato presieduto dall’arcivescovo di Filadelfia, mons. Charles Chaput. Erano presenti anche i cardinali Sean O'Malley (Boston), Stanislaw Rylko (presidente del Pontificio Consiglio per i Laici), Theodore McCarrick (arcivescovo emerito di Washington), Jean-Pierre Kutwa (Abidjan, Costa de Marfil), e Andrew Soo-Yung (Seul). Con loro anche altri 30 vescovi degli Stati Uniti e di altri paesi.
La celebrazione è stata guidata dagli iniziatori e responsabili internazionali del Cammino, Kiko Argüello e p. Mario Pezzi. Momento centrale dell’incontro è stato l’annuncio del Kerygma, la Buona Notizia, da parte di Argüello, il quale, subito dopo, ha chiesto vocazioni per il sacerdozio e la vita religiosa. Per ultimo ha svolto una chiamata per le famiglie disposte a partire in missione in qualsiasi zona del mondo, specialmente in quelle secolarizzate.
A questa chiamata hanno risposto 230 ragazzi per entrare il seminario, 400 ragazze per la vita consacrata, e oltre 1000 famiglie (con diversi figli ognuna) per partire in missione. Tutti hanno iniziato adesso un processo di discernimento vocazionale.
Da parte sua, l’arcivescovo di Philadelphia, nella sua omelia, ha sottolineato che “non esiste un gruppo nella Chiesa oggi che riflette la vita degli Atti degli Apostoli meglio del Cammino Neocatecumenale”. “Quando vescovi e fedeli laici del mondo vi vedono, imparano cosa significa essere Chiesa”, ha aggiunto.
L’arcivescovo ha rivelato anche di aver chiesto a Papa Francesco, durante la sua visita a Philadelphia, di benedire una pietra presa dalla tomba di San Pietro a Roma che servirà come pietra angolare del nuovo seminario diocesano Redemptoris Mater che si sta costruendo nella diocesi.


01 October, 2015

La festa del Papa con le famiglie del mondo,
di -


Tra musica, testimonianze e preghiere, Francesco interviene (a braccio) all'VIII Incontro mondiale di Philadelphia. E ricorda: "La famiglia ha una tessera di cittadinanza divina. Curate anziani e bambini"

Philadelphia, 27 Settembre 2015 (ZENIT.org)
È un’ode alla famiglia il discorso che Papa Francesco rivolge alle migliaia di mamme, papà, figli, nonni di tutto il mondo, riuniti nel Benjamin Franklin Parkway per la Festa e la Veglia di preghiera dell’VIII Incontro Mondiale delle Famiglie. Un discorso - tutto a braccio, in spagnolo, cestinando quello preparato - che è il culmine delle catechesi delle Udienze generali del Pontefice, pronunciate puntualmente ogni mercoledì per preparare il popolo di Dio all’imminente Sinodo di ottobre.
Anche a Philadelphia, come in piazza San Pietro, Bergoglio osanna la famiglia quale simbolo vivo del progetto d’amore di Dio. E non manca di reiterare il costante appello a dare sostegno a questa ‘cellula fondamentale della società’, come ebbe a dire San Giovanni Paolo II, il Papa che volle istituire l’Incontro mondiale nel 1994. Sostegno che deve esprimersi all’interno, tra i vari membri della famiglia, donandosi e perdonandosi, e all’esterno, costruendo una società pro familia, dove si abbia cura in particolare di giovani e anziani.
A far da cornice alle appassionate parole del Santo Padre, preghiere, canti, testimonianze e musica. Tanta musica. Di artisti del calibro di Aretha Franklin e Andrea Bocelli, punte di diamante in una serata già ricca di eventi presentata dal noto attore Mark Wahlberg e introdotta dall’arcivescovo di Philadelphia, mons. Charles Chaput. Una festa a tutti gli effetti, che ha reso concreto il tema dell’Incontro: Love is our mission: the family fully alive. L’amore è la nostra missione: la famiglia è pienamente viva.
In particolare, a commuovere Papa Francesco sono le diverse testimonianze: quella della figlia di Santa Gianna Beretta Molla - che gli consegna anche una reliquia della madre - ma soprattutto quelle delle sei famiglie provenienti da tutti i continenti. “Voglio ringraziare prima di tutto le famiglie che hanno avuto il coraggio di condividere con noi la loro vita. Grazie per la vostra testimonianza!”, esordisce infatti il Santo Padre. E ringrazia anche “per l’arte” perché è “bellezza che porta a Dio”. “Una testimonianza autentica ci porta a Dio”, prosegue. “Una testimonianza, data per servire, è una cosa buona, si rende buona, perché Dio è bontà. Tutto ciò che è buono, tutto ciò che è bello, ci porta a Dio. Perché Dio è buono. Ed è verità”.
“Tutti voi - aggiunge il Pontefice parlando alla massa esultante ad ogni sua parola - siete un’autentica testimonianza del fatto che vale la pena vivere in famiglia, e che una società cresce forte, cresce buona, cresce bella e autentica solo se si edifica sulla base della famiglia”. Questo è il piano di Dio, afferma il Santo Padre. E ricorda un episodio in cui “un ragazzo, una volta, mi ha chiesto - voi sapete che i bambini chiedono cose molto difficili -: ‘Padre cosa faceva Dio prima di creare il mondo?’”. “Vi assicuro - confida il Papa - che mi è costato rispondergli… Allora gli ho detto che prima di creare il mondo, Dio amava. Perché Dio è amore. Era tale l'amore che aveva in sé stesso con il Figlio nello Spirito Santo… così grande, così straripante… che non poteva essere egoista, dove uscire per poter avere qualcuno da amare fuori di sé. E lì Dio creò il mondo”.
“Dio - aggiunge il Papa - ha fatto questa meraviglia che oggi ci troviamo a vivere. A volte siamo un po’ confusi, la stiamo distruggendo… Ma la cosa più bella, come dice la Bibbia, è stata la famiglia. Dio ha creato uomo e donna e ha dato tutto a loro. Ha dato il mondo: ‘Crescete moltiplicatevi, coltivate la terra, fatela produrre, fatela crescere…’. Tutto l'amore che ha fatto in questa creazione meravigliosa l'ha consegnata alla famiglia. Tutto quell'amore che Dio ha in sé, tutta la bellezza, la bontà, la consegna alla famiglia”.
E una famiglia "è autenticamente una famiglia se è capace di aprire le braccia e accogliere questo amore”, rimarca il Pontefice, che con grande realismo ammette anche tutti i problemi che una famiglia comporta. Questi problemi - dice - derivano principalmente dal fatto che “gli uomini, a causa dell'astuzia del demonio, hanno imparato a dividersi”, rischiando di perdere “tutto questo amore che Dio ci ha dato”. Lo dimostrano anche le Scritture: in poco tempo, dopo la Creazione, il primo crimine, il fratricidio. “Un fratello che uccide un altro fratello. La guerra…”. Da un lato, spiega il Papa, ci sono quindi “l'amore, la bellezza e la verità di Dio”; dall’altro, “la distruzione della guerra”. “In queste due posizioni camminiamo noi oggi, e spetta a noi scegliere quale cammino percorrere”.
Anche nello sbaglio tuttavia, “Dio non ci lascia soli”, assicura Francesco. Non l’ha fatto con Adamo ed Eva quando si allontanarono da Lui, ma, anzi, “tanto era l'amore che ha cominciato a camminare insieme all'umanità, finché è arrivato il momento maturo per dare la dimostrazione d'amore più grande: suo Figlio”. “E dove ha mandato suo Figlio?”, domanda il Pontefice, “in un palazzo? In un'impresa? No, in una famiglia! Ha potuto farlo perché questa famiglia era una famiglia che aveva il cuore aperto, le porte aperte”. Pensiamo a Maria, “non ci poteva credere. ‘Come può avvenire tutto questo?’. Quando le hanno spiegato, ha obbedito”. Pensiamo a Giuseppe, “pieno di illusioni” sulla famiglia, il quale “si trova questa sorpresa che non capisce, ma l’accetta, obbedisce”. Proprio dall'obbedienza di entrambi “nasce una famiglia in cui viene Dio”, afferma il Santo Padre.
Dio - soggiunge - “sempre bussa alla porta dei nostri cuori. Gli piace fare questo. Esce spontaneo… Ma sapete la cosa che gli piace di più? Bussare alle porte delle famiglie e trovare famiglie unite, che si vogliono bene, che fanno crescere i loro figli, li educano, li portano avanti, e creano una società basata su verità, bontà e bellezza”. “Questa è la festa della famiglia oggi”, esclama il Papa, “e la famiglia ha una tessera di cittadinanza divina: gliel'ha data Dio finché nel suo seno crescesse sempre di più la verità, l'amore e la bellezza”.
“Forse qualcuno qui - aggiunge con simpatia Papa Bergoglio - mi potrebbe dire: ‘Padre, ma lei adesso parla così perché è celibe…'”. È vero, ammette: “nella famiglia ci sono difficoltà, nella famiglia discutiamo, nella famiglia a volte volano i piatti, i figli fanno venire forti mal di testa (non parlerò delle suocere questa volta…). I figli danno lavoro, noi come figli abbiamo dato lavoro. Talvolta vedo alcuni dei miei collaboratori che vengono a lavorare con le occhiaie perché hanno un bebé di un mese. ‘Non dorme?’. ‘No, ha pianto tutta la notte”. “Nella famiglia ci sono difficoltà”, ripete il Papa. “Sempre ci sono croci, perché l'amore di Dio del figlio di Dio ci ha aperto questo cammino”. Tuttavia “dopo le croci ci sono le resurrezioni, perché il Figlio di Dio ci ha aperto anche quel cammino”. Per questo - rimarca il Vescovo di Roma - “la famiglia è una fabbrica di speranza, vita e resurrezione”. E ogni difficoltà “si supera con l’amore. Mentre l'odio non supera nessuna difficoltà, la divisione dei cuori non supera nessuna difficoltà”.
Prima di concludere, Francesco invita tutte le famiglie ad avere “cura speciale” di bambini e anziani. I primi perché “sono il futuro, la forza che porta avanti”; i secondi, invece, “la memoria", "coloro che trasmettono la fede”. Curare entrambi è dunque, a detta del Papa, “la dimostrazione dell'amore più grande”: l’amore che “promette il futuro”. Infatti “un popolo che non sa occuparsi dei bambini o degli anziani è un popolo senza futuro, perché non ha la forza e non ha la memoria che lo porta avanti”. A questa, il Pontefice aggiunge un’ultima raccomandazione: “La famiglia è bella però costa… Comporta problemi. In famiglia a volte si creano inimicizie: il marito litiga con la moglie o si guardano male i figli col padre... Però, vi dò un consiglio: non terminate mai la giornata senza fare pace. In una famiglia non si può terminare una giornata in guerra”.
“Dio vi dia la forza”, è dunque la benedizione finale del Successore di Pietro: “Vi incoraggio ad andare avanti. Custodiamo la famiglia, curiamo la famiglia, difendiamo la famiglia perché lì si gioca il nostro futuro”. Al termine dell'incontro, l'arcivescovo Chaput domanda un ultimo favore al Papa a nome di tutti i cittadini di Philadelphia, "città di murales". Ovvero una piccola firma sul grande dipinto dell'artista Cesare Viveros, che "ci ha lavorato tutta l'estate" per realizzarlo. Francesco subito esegue. Il murales sarà montato sulla parete della scuola St. Malachy, e tutti gli alunni potranno vedere, in basso, a destra, quelle 7 speciali lettere: "Francis".




“I pastori invitino i giovani ad essere audaci nella scelta del matrimonio”
Il Papa invita i vescovi partecipanti all’Incontro Mondiale di Philadelphia ad una “cura pastorale” concreta nella formazione familiare, senza indulgere troppo in discorsi teorici
Di Luca Marcolivio
Philadelphia, 27 Settembre 2015 (ZENIT.org)
Un discorso da ‘padre e pastore’, con un obiettivo fondamentale: risvegliare nei giovani il desiderio della famiglia. Incontrando oggi i 300 vescovi partecipanti al VIII Incontro Mondiale delle Famiglie, presso la Cappella del Seminario “San Carlo Borromeo” di Philadelphia, papa Francesco ha subito sottolineato che, per la Chiesa, la famiglia “non è prima di tutto un motivo di preoccupazione, ma la felice conferma della benedizione di Dio al capolavoro della creazione”.
Ci sono infatti, “in tutti gli angoli del pianeta”, migliaia e migliaia di famiglie che, ogni giorno, “anche nelle prove più dure, onorano le promesse e custodiscono la fede”: ciò è un “dono” di cui “la Chiesa ha motivo di rallegrarsi con il Signore”, ha proseguito il Papa. “Stima” e “gratitudine”, quindi, devono prevalere sul “lamento” di fronte agli ostacoli. “La famiglia è il luogo fondamentale dell’alleanza della Chiesa con la creazione di Dio” e senza di essa “nemmeno la Chiesa esisterebbe”, né tantomeno potrebbe diventare “segno e strumento dell’unità del genere umano”.
È in corso, ha poi osservato Francesco, una “profonda trasformazione del quadro epocale, che incide sulla cultura sociale – e ormai anche giuridica – dei legami familiari”, dalla quale “il cristiano non è immune”. In altre parole, sono venute meno “le affinità dell’istituzione civile e del sacramento cristiano”, che un tempo “erano tra loro connesse e si sostenevano a vicenda”.
Per spiegare ulteriormente il contesto sociale attuale, Bergoglio ha individuato il parallelo cambiamento del settore commerciale: alle “botteghe” e ai “piccoli negozi”, si sostituiscono i “grandi supermercati” e i “centri commerciali”. Un tempo la “bottega del quartiere” vendeva poche merci “esposte poveramente” e c’era “poca possibilità di scelta”. In compenso “c’era fiducia, conoscenza, vicinanza” tra esercente ed acquirente e “si vendeva a credito”. La logica del supermercato è invece “concorrenziale” e “non ci si può fidare degli altri”, né “c’è legame personale” o “relazione di vicinanza”.
Ciò si ripercuote anche sulle relazioni umane e si tende a “consumare” le “relazioni”, le “amicizie” e persino le “religioni”. Il legame diventa un mero “tramite” per la soddisfazione delle “necessità” di ognuno ed “il prossimo con il suo volto, con la sua storia, con i suoi affetti cessa di essere importante”. Anche questa dinamica, ha osservato il Pontefice, è il prodotto di una “cultura che scarta tutto ciò che ‘non serve’ più o ‘non soddisfa’ i gusti del consumatore” e condanna a una “solitudine radicale” molte persone, nell’illusoria “ricerca sfrenata di sentirsi riconosciuti” attraverso un “mi piace” o un aumento dei “followers”.
Non serve, ha chiarito il Santo Padre, “condannare” o “scomunicare” i giovani che vivono immersi in questo tipo di cultura, né deprimerli con frasi come “una volta era meglio”, “il mondo è un disastro” o “dove andremo a finire”? Compito del pastore è, piuttosto, quello di “accompagnare, sollevare, curare le ferite del nostro tempo”, guardare la realtà “con gli occhi di chi sa di essere chiamato al movimento, alla conversione pastorale”.
Sarebbe un errore, ha aggiunto il Papa, interpretare questa ‘cultura’ attuale come mera “disaffezione per il matrimonio e la famiglia in termini di puro e semplice egoismo”. Molti giovani d’oggi, “nel quadro di questa cultura dissuasiva, hanno interiorizzato una specie di inconscia soggezione e sono paralizzati nei confronti degli slanci più belli e più alti, e anche più necessari”, ha sottolineato Francesco. “Ci sono tanti – ha proseguito - che rimandano il matrimonio in attesa delle condizioni di benessere ideali. Intanto la vita si consuma, senza sapore. Perché la sapienza dei veri sapori della vita matura con il tempo, come frutto del generoso investimento della passione, dell’intelligenza, dell’entusiasmo”.
Compito dei vescovi e dei pastori è quindi quello di “raccogliere le forze e a rilanciare l’entusiasmo per la nascita di famiglie più pienamente rispondenti alla benedizione di Dio, secondo la loro vocazione”. Più che “rispiegare i difetti dell’attuale condizione odierna e i pregi del cristianesimo”, si tratta soprattutto di “invitare con franchezza i giovani ad essere audaci nella scelta del matrimonio e della famiglia”, per la quale serve una “santa parresia”.
Secondo il Santo Padre “un cristianesimo che ‘si fa’ poco nella realtà e ‘si spiega’ infinitamente nella formazione”, rappresenta una sproporzione pericolosa”, se non un “vero e proprio circolo vizioso”. Il pastore dovrà quindi mostrare che il “Vangelo della famiglia” non è una “fantasia romantica” ma è “davvero ‘buona notizia’, in un mondo dove l’attenzione verso sé stessi sembra regnare sovrana”. Egli rimarrà “vigilante” e perseverante nella preghiera, evitando troppi “discorsi” e privilegiando una più concreta “cura pastorale”. La rinuncia del pastore agli “affetti familiari” serve a “destinare tutte le sue forze, e la grazia della sua speciale chiamata, alla benedizione evangelica degli affetti dell’uomo e della donna”.
Il ministero sacerdotale ed episcopale, ha proseguito il Pontefice, “ha bisogno di sviluppare l’alleanza della Chiesa e della famiglia, altrimenti inaridisce, e la famiglia umana si farà irrimediabilmente distante, per nostra colpa, dalla Lieta Notizia donata da Dio”. Se i pastori saranno capaci del “rigore degli affetti di Dio”, ha detto in conclusione il Papa, “anche una donna samaritana con cinque ‘non-mariti’ si scoprirà capace di testimonianza” ed “un maturo pubblicano si precipiterà giù dall’albero e si farà in quattro per i poveri ai quali – fino a quel momento – non aveva mai pensato”.



Pagina: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36   

Sede Nazionale via Breda 18 Castel Mella (BS) Tel. 030 2583972

Aggiungi ai preferitiAggiungi questo sito ai preferiti

Webmaster: cogio

Le foto non di proprietà di FNC sono state reperite in rete, se qualcuna di queste dovesse essere coperta da diritti d'autore, siete pregati di segnalarcelo. Provvederemo a rimuoverle.