Torna all'homepage
News
 
 
CARTA DEI DIRITTI
LO STATUTO
MODULO ISCRIZIONE
SEDI REGIONALI




Scrivici

23 November, 2016

Gender nelle scuole: anche la Germania si ribella
di -


Va ascritto un merito all’ideologia gender, quello di aver ridestato le coscienze di popoli d’ogni latitudine. Dal Messico all’Italia, dalla Colombia alla Francia, imponenti manifestazioni hanno visto sfilare nelle strade gente comune – genitori con figli, giovani e anziani – per opporsi a un’antropologia che minaccia la verità dell’uomo e viola la responsabilità educativa delle famiglie.
La resistenza al gender si registra anche in luoghi dove la mentalità comune è notoriamente più aperta rispetto alle novità. In Germania, ad esempio. Destò scalpore un episodio avvenuto due anni fa, quando a una coppia di genitori fu notificato l’arresto per non aver acconsentito che la figlia partecipasse a corsi di educazione sessuale a scuola. Il carcere fu evitato solo perché la mamma era incinta.
Nella regione dove si registrò il fatto, la Renania Settentrionale-Vestfalia, si ebbero poi dei raduni in solidarietà della famiglia verso cui fu preso il provvedimento. E il tema del gender torna oggi a scuotere le coscienze dei tedeschi.
In Assia, la regione di Francoforte, tre settimane fa oltre 2mila persone hanno dato vita a un corteo per protestare contro “l’indottrinamento” dell’educazione sessuale ai bambini delle scuole primarie.
Ad agosto, infatti, in questo Land situato nel cuore della Germania, è entrato in vigore un nuovo programma di studi che ha lo scopo ufficiale di veicolare presso gli studenti la “accettazione di lesbiche, gay, bisessuali, transessuali e intersessuali”.
La decisione è stata ratificata da Ralph A. Lorz, ministro della Cultura dell’Assia, nonostante il Consiglio dei genitori avesse manifestato la propria contrarietà a questo piano di studi rifiutando di firmarne il consenso. Obiezioni sono state sollevate anche da Chiesa evangelica e da esponenti cattolici, i quali avevano sottolineato che questi corsi sono indirizzati a bambini che non hanno l’età appropriata per confrontarsi con determinati temi.
Con un certo anticipo, ad inizio settembre, è stata allora organizzata per il 30 ottobre da associazioni familiari una manifestazione a Wiesbaden, capitale dell’Assia, denominata “Demo für alle” (Dimostrazione per tutti).
Circa 2mila i partecipanti. Una cifra che Hedwig von Beverfoerde, portavoce di una delle associazioni organizzatrici, non esita a definire un grande successo. “Abbiamo confutato diffamazioni e calunnie nei nostri confronti, secondo cui vorremmo negare diritti agli omosessuali”, ha detto la portavoce.
Che ha dunque aggiunto che questo piano di studi non punta a promuovere rispetto, bensì a “indottrinare e costringere bambini dai sei ai dieci anni ad affrontare argomenti che violano il loro pudore”.
Mons. Heinz Josef Algermissen, vescovo di Fulda, ha inviato un saluto ai manifestanti, ringraziandoli in quanto “consapevoli della vostra responsabilità di cristiani”.
Il curriculum prevede che nella fascia d’età dai sei ai dieci anni vengano illustrate “diverse situazioni familiari”, comprendenti genitori single, famiglie affidatarie e coppie dello stesso sesso. Per bambini dai dieci ai dodici anni, previsto un corso relativo a “diversi orientamenti sessuali e identità di genere”. Secondo i detrattori, l’obiettivo è promuovere una “autodeterminazione sessuale di bambini e giovani”.
In passato proteste analoghe anche ad Amburgo, nonché in Sassonia, in Vestfalia e in Baviera. Significativo quanto avvenuto in Baden-Wuttemberg, dove a seguito dell’introduzione di un piano di studi all’insegna del gender nel 2013, oltre 200mila persone avevano firmato una petizione di protesta all’indirizzo del Land. Il Governo aveva così deciso di modificare il progetto venendo incontro alle preoccupazioni evidenziate dai genitori. Segno del fatto che il ridestarsi delle coscienze non è vano.

14 November, 2016

Gender: il giudice di “Forum” dà ragione ad una madre
di -


La teoria del gender è oggetto di un dibattito sempre più di massa. Con buona pace dei ‘negazionisti’ in questo ambito, il delicatissimo tema dell’educazione all’affettività dei minori è approdato in fascia protetta in una popolarissima trasmissione come Forum su Rete 4.
Durante la puntata di giovedì scorso, il giudice di Forum ha dato ragione alla madre di un alunno di una scuola elementare di Roma, che aveva fatto ricorso contro il preside, il quale ai primi di agosto, aveva convocato le famiglie – molte delle quali in vacanza – comunicando la sua intenzione di avviare un corso contro le discriminazioni, per valorizzare l’inclusione.
Ad anno scolastico in corso, il figlio della signora poi ricorrente aveva un giorno domandato alla madre: “Mi è stato detto che posso scegliere se diventare maschio o femmina: è vero?”. Superato lo sgomento, la madre gli aveva spiegato l’assurdità di quelle affermazioni, diffidando poi il preside dal proseguimento di quelle lezioni e chiedendone l’esonero del bambino.
A sua difesa, il dirigente aveva invocato la legge 107 e il principio di parità tra i sessi. L’obiezione della madre, che pure aveva accettato il progetto del preside, condividendone le finalità non discriminative, riguardava il fatto che la parità doveva avere ad oggetto i diritti fondamentali, la dignità e l’opportunità di accesso al lavoro e ai servizi, non certo l’identità sessuale.
La contro-obiezione del preside aveva tirato in ballo gli stereotipi di genere, con il classico esempio del bambino che gioca con le bambole e della bambina che gioca a calcio, i quali non andrebbero discriminati.
Nella motivazione della sentenza, il giudice ha messo in luce sia la pericolosità degli insegnamenti sull’identità di genere, sia l’incrinazione del rapporto di fiducia tra scuola e famiglia che ne deriva.
La vicenda è stata commentata a ZENIT da Giusy D’Amico, responsabile del settore scuola del Comitato Difendiamo i Nostri Figli, e presidente dell’associazione Non si tocca la Famiglia, che per tre volte (25 giugno davanti al Ministero della Pubblica Istruzione, 4 agosto davanti al Ministero delle Pari Opportunità, e 30 settembre davanti al Quirinale) a cavallo dell’estate, ha portato centinaia di famiglia in piazza per la libertà educativa e per il “consenso informato”
“L’identità sessuale non è un dato irrilevante – sottolinea la D’Amico – e comunque non è un tema che si può affrontare con i bambini delle elementari, confondendo loro le idee e provocando dei traumi, nella fase di costruzione dell’identità. L’educazione affettiva deve spettare alla famiglia”.
Secondo l’attivista del Family Day, “un conto è giudicare o etichettare le persone, altro conto è inculcare nei bambini delle storture ideologiche”. A nome delle associazioni pro family di cui fa parte, la D’Amico contesta due aspetti dell’iniziativa del preside romano: “In primo luogo non ha spiegato in modo completo quali erano i contenuti e le finalità del corso. Inoltre si è rifiutato di esonerare gli alunni dalla frequenza del corso stesso con il quale, peraltro, intendeva anticipare le linee guida della legge 107, che ancora non sono state approvate”.
L’associazione Non si tocca la Famiglia denuncia, quindi, sia le forzature ideologiche dei programmi di scuole come quella romana in oggetto, sia la scarsa trasparenza nel comunicare ai genitori i contenuti dei programmi stessi, con le scuole che, non permettendo agli allievi neppure lo svolgimento di un’attività alternativa, li costringono sostanzialmente a cambiare istituto.
“Noi continuiamo a proclamare il primato educativo – prosegue la D’Amico – in ordine a questioni che, essendo così sensibili e intime, toccano il bagaglio valoriale della famiglia, la quale dovrebbe avere sempre l’ultima parola nelle scelte per i figli”.
L’esposizione del caso della scuola romana in una trasmissione a diffusione nazionale come Forum, secondo l’attivista, è un segno di come la questione educativa ed antropologica, specie a partire dal Family Day del 20 giugno 2015 a piazza San Giovanni, sia ormai ben presente nell’opinione pubblica, con un numero sempre maggiore di famiglie mobilitate.
“I genitori hanno il diritto alla trasparenza nei programmi educativi ma altrettanto importante è il diritto al consenso informato e all’esonero del figlio se il consenso non c’è – afferma ancora Giusy D’Amico -. Non si può costringere i bambini a stare a casa in quelle ore, loro hanno il diritto a rimanere a scuola, secondo la normativa vigente. Si tratta di tematiche troppo ‘sensibili’, non stiamo parlando di discipline curricolari come matematica, storia, geografia, inglese o informatica. Il fatto che l’educazione all’identità di genere sia inserita in orario scolastico, non la rende affatto una materia curricolare”.
La battaglia dell’associazione Non si tocca la Famiglia e del Comitato Difendiamo i Nostri Figli prosegue ora in particolare in ambito scolastico, con la rivendicazione del diritto al consenso informato, che molti istituti di fatto negano e che una regione come il Friuli Venezia Giulia ha praticamente messo al bando.

31 October, 2016

Famiglia e riforma costituzionale: quale futuro?
di - FNC


Incontro a cura del
Comitato “Difendiamo i Nostri Figli” di Massa e famiglie numerose cattoliche

Salone della parrocchia di "Madonna Pellegrina"
venerdì 4 novembre alle ore 21,00
incontro sul tema:

Famiglia e riforma costituzionale:
quale futuro?




Sede Nazionale via Breda 18 Castel Mella (BS) Tel. 030 2583972

Aggiungi ai preferitiAggiungi questo sito ai preferiti

Webmaster: cogio

Le foto non di proprietà di FNC sono state reperite in rete, se qualcuna di queste dovesse essere coperta da diritti d'autore, siete pregati di segnalarcelo. Provvederemo a rimuoverle.