Torna all'homepage
News
 
 
CARTA DEI DIRITTI
LO STATUTO
MODULO ISCRIZIONE
SEDI REGIONALI




Scrivici

19 July, 2014

FNC appoggia la richiesta di incontro con Il ministro Giannini
di -


ROMA, 16 Luglio 2014 (Zenit.org) - Giorni fa, nel corso di un incontro con alcuni esponenti di associazioni omosessuali, Stefania Giannini, ministro dell’Istruzione, ha garantito il suo impegno a portare avanti la “Strategia Nazionale” contro le discriminazioni e l’omofobia tra gli studenti.
Ciò che si chiedono i genitori italiani, a questo punto e alla luce delle polemiche suscitate nei mesi scorsi a causa dell’impronta ideologica della Strategia, è come il ministro intenda perseguire questo obiettivo. Pertanto, l’Associazione Italiana Genitori (Age) sollecita “un incontro a breve sul tema” con la Giannini, in cui chiederanno “una data certa per la stesura delle Linee guida per la prevenzione del fenomeno del bullismo e del cyber-bullismo che il ministro, rispondendo oltre un mese fa a un’interpellanza parlamentare, ha annunciato che saranno emanate entro settembre proprio attraverso il confronto diretto e costante con i genitori”.
Il timore tuttavia è che questo confronto venga snobbato dal ministro. “Come una delle associazioni genitori che ha fondato il Fonags (Forum nazionale delle associazioni genitori nella scuola presso il ministero) - spiega Fabrizio Azzolini, presidente dell’Age - con grande preoccupazione osserviamo che, dalle quattro righe del comunicato stampa del Ministero, sembra che il ministro intenda proseguire la Strategia Unar e sia intenzionato a farlo senza coinvolgere le associazioni genitori e quelle dei docenti, perseverando nella linea dei precedenti governi”.
Il mancato coinvolgimento dei genitori, ricorda ancora Azzolini, stride con la “Raccomandazione europea CM/Rec (2010)5, che è all’origine della Strategia”, la quale invita “gli Stati a ‘tenere conto del diritto dei genitori di curare l’educazione dei propri figli’ nel ‘predisporre e attuare politiche scolastiche e piani d’azione’ per combattere la discriminazione”. E ancora, il presidente Age cita “il protocollo triennale del 2013 tra Pari Opportunità e Miur”, che sottolinea “in premessa che il ministero dell’istruzione ‘assegna priorità ai bisogni, agli interessi, alle aspirazioni degli studenti e delle loro famiglie’”.
I genitori italiani sono preoccupati poi da alcune dichiarazioni e richieste - aggiunge Azzolini - “contenute nel documento che il gruppo di associazioni Lgbt ha consegnato al ministro Giannini. In particolare laddove si legge che per queste associazioni gli opuscoli dell’istituto Beck sono stati realizzati su mandato dell’Unar “in una prospettiva scientifica e non ideologica”. Ancora “con maggiore apprensione - afferma il presidente dell’Age - leggiamo che, mentre ci si chiede che ‘venga ribadita la centralità degli organi collegiali della scuola, rappresentativi di tutte le sue componenti nella scelta delle proposte educative’, si precisi subito che ‘qui non siamo di fronte a materie eticamente sensibili. I giovani interagiscono tra di loro e non possiamo lasciare la sola famiglia ad occuparsi di educazione alla affettività e alla sessualità quando la stessa è impreparata o assente. Questa deve essere generalizzata. Le famiglie devono essere coinvolte ma non sono accettabili veti ideologici’”.
Di fronte a queste richieste l’Age ribadisce che “la Costituzione italiana all’art. 30 e la legge 53/2003, oltre alle Convezioni europee dei diritti dell’uomo e Onu dei diritti del fanciullo e alla Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo, decretano il diritto alla libertà educativa dei figli”. Perciò, conclude Azzolini, “non ci lasceremo mai espropriare del nostro prioritario diritto alla libertà educativa costituzionalmente e universalmente riconosciuto”.

10 July, 2014

Papa Francesco ha ricevuto ieri in udienza privata Kiko Argüello
di -


Tra gli argomenti affrontati, alcuni temi relativi alla vita del Cammino Neocatecumenale e della Chiesa in generale

CITTA' DEL VATICANO, 10 Luglio 2014 (Zenit.org) - La Sala Stampa vaticana informa che Papa Francesco ha ricevuto ieri pomeriggio, in Vaticano, l'iniziatore del Cammino Neocatecumenale, Kiko Argüello. L'udienza, privata, si è svolta in un clima di grande cordialità, come riferisce una nota dell'ufficio stampa del Cammino.
Il Pontefice ha ribadito ancora una volta l'importanza e il bene che la realtà ecclesiale iniziata daArgüello sta facendo al mondo intero da oltre 40 anni. Tra gli argomenti affontati alcune tematiche legate alla vita dell'itinerario Neocatecumenale e della Chiesa in generale.



29 June, 2014

Ready: Brescia è pronta a cadere nella rete?
di -


Il tentativo di distrarre fondi della amministrazioni cittadine a favore dell'ideologia di lesbiche, gay, omosessuali e trans (LGBT)

Di Elisabetta Pittino
BRESCIA, 29 Giugno 2014 (Zenit.org) - Si chiama Ready, acronimo di "Rete Nazionale delle Pubbliche Amministrazioni Anti Discriminazioni per orientamento sessuale e identità di genere" ed è un network di pubbliche amministrazioni nato nel 2006 per "promuovere politiche a favore delle persone LGBT" (acronimo utilizzato per riferirsi a persone Lesbiche, Gay, Bisessuali e Transgender). In otto anni sono circa 60 gli enti pubblici, comuni, province, regioni, istituzioni e organismi di parità che hanno aderito a Ready.
Domani, 30 giugno, il Comune di Brescia voterà per decidere se entrare a fare parte della rete Ready.
Esiste veramente, tuttavia, una discriminazione sessuale contro gli omosessuali?
Nel 2013 alcune indagini promosse da agenzie demoscopiche su campioni sia internazionali che nazionali hanno riscontrato che l’Italia è uno dei paesi più gay friendly del mondo (subito dopo la Gran Bretagna) con il 74% di persone che si dichiara non ostile agli omosessuali. In Italia, secondo le statistiche ufficiali c’è un caso di omofobia ogni due milioni di abitanti, per un totale di 80 casi presunti negli ultimi 3 anni.
Un’indagine dell’ISTAT, presentata alla Camera dei Deputati il 17 maggio 2012 in occasione della Giornata contro l’omofobia (http://www.istat.it/it/archivio/62168), riportava che il 60% degli Italiani ritiene accettabili le relazioni tra persone dello stesso sesso. Nello stesso rapporto si afferma che ammontano a zero i “casi accertati di discriminazione contro omosessuali registrati da un pubblico ufficiale o un giudice”.
L’UNAR (Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali) afferma che non esistono al momento casi accertati di discriminazione per l’accesso all’alloggio, nel lavoro pubblico e privato e anche in ambito sanitario.
Eppure nel report del Dipartimento delle Pari Opportunità (Verso una Strategia nazionale per combattere le discriminazioni basate sull’orientamento sessuale e sull’identità di genere, www.pariopportunita.gov.it/images/strategianazionale_definitiva_29aprile.pdf) si legge che il Contact Center dell’UNAR segnala 144 casi di discriminazione attinenti l’orientamento sessuale.
In questo contesto è stata sollevata l’obiezione secondo cui gli episodi di mobbing o di violenza denunciati riguardano quasi esclusivamente persone eterosessuali, oppure si tratta di atti di delinquenza comune che nulla hanno a che fare con l’orientamento sessuale delle vittime.
Un Rapporto 2007-2013 dell’Avvocatura per i diritti LGBT dichiara: “Al di là del dato sulla percezione della discriminazione, che per quanto sostanzialmente coerente è comunque basata su opinioni e punti di vista soggettivi, esistono pochissimi dati quantitativi sulla diffusione e il radicamento della discriminazione ai danni delle persone LGBT […]”.
Ci sono certamente degli episodi di aggressione verbale o fisica a danno degli omosessuali, ma se accadono tra giovani e adolescenti sono da rubricare tra gli atti di bullismo, sicuramente esecrabili, ma riconducibili all’aggressività del branco che di volta in volta prende di mira i soggetti più deboli indipendentemente dal loro orientamento sessuale: i preferiti in genere sono gli obesi, gli introversi, quelli che portano gli occhiali, i diversamente abili, i secchioni, gli stranieri, ecc.
Non bisogna negare né sottovalutare l’eventualità che alcuni omosessuali possano essere sottoposti a forme di violenza, ma parlare di emergenza è voler creare un allarme e dare forma e sostanza ad un mostro sociale che oggi non sembra esserci.
Ma che cosa comporta diventare parte della Rete Ready?
Nella carta di intenti (http://www.comune.torino.it/politichedigenere/bm~doc/cartaintentiready.pdf) si trovano elencate le finalità della rete, suddivise in sette punti.
Tra i "compiti della rete" vi sono "campagne di comunicazione", "adesione e promozione di campagne europee", promozione di "una giornata tematica con eventi diffusi" almeno una volta all'anno, cioè Gay Pride, la "ricerca fondi per le attività della Rete", “creare una pagina informativa”, “partecipare agli incontri coni partner della rete”, “Raccolta delle buone prassi” che ha portato nel 2009 alla pubblicazione del Libro Bianco Europeo Combattere l’omofobia, “organizzazione di conferenze e incontri nazionali”, per citarne solo alcuni. Tutti impegni che si assume chi aderisce alla rete e che sono a carico degli aderenti, cioè Comuni, Province, Regioni, enti pubblici. C’è poi la Segreteria che è assunta da uno dei partner. Torino si è dotato di un "Servizio LGBT". Altre finalità sono “azioni informative e formative” per il personale dipendente degli Enti partecipanti, il che significa corsi di formazione; poi sono previste “azioni informative e formative” per il personale impegnato in campo educativo, scolastico, sanitario, per il mondo produttivo.
È legittimo chiedersi chi paga tutte queste attività. La risposta, che si trova nella presentazione di Ready, è che a pagare sono i partner, cioè chi sottoscrive gli intenti ed è parte della rete Ready.
È lecito rispondere quindi che pagano i contribuenti e in ogni caso l'adesione non è priva di conseguenze sulle casse del comune.
Ci si chiede se in un periodo di crisi come l’attuale non sia più opportuno utilizzare i fondi verso politiche sociali e di welfare, piuttosto che sostenere una ideologia che divide.
Alcuni partner, dopo avere sottoscritto la carta di intenti, hanno deciso di uscire dalla Rete Ready.
Massimiliano Salini, ad esempio, presidente uscente della Provincia di Cremona, ha annunciato, e messo in atto, l'uscita da Ready.
La fuoriuscita è stata definita da Arcigay come un "atto sorprendente, di una gravità inaudita" e "atto selvaggio di propaganda bieca", "biglietto da visita deplorevole".
Ci si chiede anche: che cosa concretamente ha fatto e fa Ready?
Il primo campo di azione è quello strettamente legato alle attività amministrative: la diffusione dei registri delle coppie di fatto i cui risultati sono molto deludenti.
Nel Comune in cui si registra il massimo numero di iscritti, le coppie registrate sono una cinquantina. Il 90% di questi registri sono vuoti. A Bologna (Comune che ha aderito a Ready) da quando nel 1999 è stato istituito il registro, gli iscritti sono zero. Nel 1999, il Comune ha aperto alle coppie di fatto la possibilità di partecipare alle graduatorie per l’assegnazione di alloggi Acer, con lo stesso punteggio di una coppia sposata. Dal 2006, poi, Bologna ha concesso i cosiddetti “prestiti sull’onore”, approvati dalla Regione Emilia Romagna con la legge n.2 del 12/03/2003, anche “alle coppie gay e lesbiche che convivano o che decidano di dare inizio a una convivenza”. Sempre la Regione, con l’art. 42 della finanziaria approvata nel 2010, ha sottolineato l’esistenza di unioni e convivenze non matrimoniali, riconoscendo ai conviventi, etero o omosessuali, gli stessi dirittidi accesso a servizi come casa, scuola, sanità e ogni altro “servizio pubblico o privato sul territorio emiliano romagnolo”.
Anche in molte altre città italiane (sempre partner della Rete Ready), il registro delle coppie di fatto è stato un grande flop: Bolzano, Trento Torino, Firenze, Padova… “A Gubbio, in Umbria - secondo Avvenire -addirittura è stato di abolito per evidente inutilità, dopo che per 10 anni soltanto una coppia risultava essersi iscritta”.
Il timore di alcuni è che si voglia raggiungere per via amministrativa il matrimonio tra le persone dello stesso sesso, in modo tale che ci sia in Italia una situazione di fatto tale per cui una legge nazionale non sia altro che la presa d'atto di quanto già è presente nel paese.


Sede Nazionale via Breda 18 Castel Mella (BS) Tel. 030 2583972

Aggiungi ai preferitiAggiungi questo sito ai preferiti

Webmaster: cogio

Le foto non di proprietà di FNC sono state reperite in rete, se qualcuna di queste dovesse essere coperta da diritti d'autore, siete pregati di segnalarcelo. Provvederemo a rimuoverle.