Torna all'homepage
News
 
 
CARTA DEI DIRITTI
LO STATUTO
MODULO ISCRIZIONE
SEDI REGIONALI




Scrivici

14 June, 2017

Colombia, ufficializzata la prima famiglia poliamorosa formata da tre gay
di - TGCOM24

"Ora siamo al 100 per cento legali"

A un anno dal riconoscimento del matrimonio omossessuale, la Colombia legalizza la prima famiglia poliamorosa. E' quella formata da tre gay, Victor Hugo Prada, Manuel Bermudez e Alejandro Rodriguez, che hanno ufficializzato la loro unione davanti alle autorità di Medellin. "Ora siamo legali al 100 per cento", ha commentato il trio in un video. Prada, di professione attore, e i suoi due congiunti, un docente di educazione fisica e un giornalista, adesso sono una famiglia a tutti gli effetti, la "trieja", così si chiama legalmente questo tipo di istituzione sociale, e in caso di separazione o decesso potranno beneficiare della pensione del defunto ed ereditarne i beni. "E' il riconoscimento che esistono altre tipi di famiglia", canta vittoria German Rincon Perfetti, avvocato dell'associazione Lgbt.
— Manuel José Bermúdez
"Volevamo ufficializzare la nostra famiglia. Non c'era nulla di solido sul piano legale che ci permettesse di riconscerci come famiglia", ha sottolineato Prada. "Siamo una famiglia, una famiglia poliamorosa. E' la prima volta in Colombia", ha aggiunto. Una "trieja" per usare il termine giuridico esatto.
Questo genere di unioni è frequente in Colombia, ma è la prima volta che una di esse "viene legalizzata", ha spiegato all'agenzia di stampa Afp German Rincon Perfetti, avvocato dell'associazione Lgbt. "E' un riconoscimento che esistono altri tipi di famiglie". Secondo Rincon, la possibilità di accedere a questo regime patrimoniale ha conseguenze "al 100 per cento legali" per i tre uomini, che in caso di separazione o decesso potranno accedere alle pensioni o procedere a una separazione dei beni.
In Colombia le coppie omosessuali hanno diritto ad adottare minori che siano figli biologici di uno dei due partner.



04 June, 2017

L Europa attraversata da numerose crisi, abbia nella famiglia il suo “tesoro più prezioso”
di - AsiaNews.it


Ricevendo la Federazione europea delle associazioni familiari cattoliche, Francesco indica quattro crisi del Vecchio continente: , “quella demografica, quella migratoria, quella lavorativa e quella educativa”. E’ sulla base della inviolabile dignità della persona, specialmente i più deboli, che l’Europa potrà essere realmente una famiglia di popoli.


Città del Vaticano (AsiaNews) – L’Europa, che conosce quattro crisi, “quella demografica, quella migratoria, quella lavorativa e quella educativa”, “continui ad avere come suo tesoro più prezioso la famiglia”. Così il Papa oggi, ricevendo in Vaticano, i partecipanti all’incontro promosso dalla Federazione europea delle associazioni familiari cattoliche, nel ventennale dalla fondazione.

Alla Federazione, che riunisce associazioni di 14 Paesi europei, Francesco ha ribadito che la famiglia “cellula fondamentale della società”, è “lievito che aiuta a far crescere un mondo più umano, più fraterno, dove nessuno si senta rifiutato o abbandonato”.

Lodando il lavoro della Federazione riassunto “nel servizio integrale alla famiglia”, ha richiamato il suo intervento alle autorità dell’Unione Europea, in occasione del 60mo anniversario dei Trattati di Roma, e passaggi dell’Esortazione apostolica Amoris laetitia, sottolineando che la famiglia rende “concreto il dono attraverso la bellezza e la gioia dell’amore reciproco”. Per Francesco “non c’è migliore alleato per il progresso integrale della società che favorire la presenza di famiglie nel tessuto sociale”. L’unità di “tutti i membri della famiglia e l’impegno solidale” con “l’intera società” sono alleati - ha detto - del bene comune e della pace, anche in Europa”.

La famiglia è “comunione di persone” e questo consente l’esperienza e l’inserimento nella grande “famiglia umana” in cui centrale è la sfida di una “cultura dell’incontro”. “Lo stile familiare che voi vi proponete di diffondere non è soggetto ad alcuna ideologia contingente, ma si basa sulla inviolabile dignità della persona. Ed è in base a tale dignità che l’Europa potrà essere realmente una famiglia di popoli”. Quattro crisi oggi attraversano il Vecchio Continente: “quella demografica, quella migratoria, quella lavorativa e quella educativa”. La risposta a queste sfide, anche “all’inverno demografico” è ancora una volta nella famiglia modello di operatività, testimone di “unità nella diversità” e di “dialogo”.

Per il Papa non bisogna “nascondere” la propria “identità cristiana”, ed è importante che le famiglie escano da se stesse per “incontrare gli altri”.

Centrale il legame tra le generazioni: memoria, presente e futuro. “Il vostro servizio alla sacralità della vita si concretizza nell’alleanza tra le generazioni; nel servizio a tutti specialmente ai più bisognosi, alle persone con disabilità, agli orfani; si concretizza nella solidarietà con i migranti; si concretizza nella paziente arte di educare che vede ogni giovane come soggetto degno di tutto l’amore familiare; si concretizza nel diritto alla vita del nascituro che ancora non ha voce; si concretizza in condizioni di vita degne per gli anziani”.

08 May, 2017

Francesco agli sposi: “Dite ai giovani che è bella la vita nel matrimonio cristiano!”
di -


Il Papa ha anche chiesto agli sposi di ispirarsi a San Marco per cogliere “l’importanza della preghiera nel percorso matrimoniale”

“Dite ai giovani che è bella, è bella la vita nel matrimonio cristiano!”. Così Papa Francesco oggi, 26 aprile 2017, nel corso dell’Udienza generale, nel salutare le coppie dell’Arcidiocesi di Ancona-Osimo presenti in Piazza San Pietro che ricordano il cinquantesimo anniversario di matrimonio.
Oltre ad aver invitato le coppie a cogliere l’occasione dell’anniversario per ricordare “i sacramenti ricevuti, segni efficaci della grazia di Dio nella nostra vita”, il Pontefice ha quindi affidato loro anche il compito di essere apostoli della vita matrimoniale presso i giovani.
Il Vescovo di Roma ha poi ricordato che ieri, 25 aprile, si è celebrata la festa di San Marco Evangelista. “Il suo discepolato al seguito di San Paolo – ha detto – sia di esempio a voi, cari giovani, per mettersi alla sequela del Salvatore; la sua intercessione sostenga voi, cari ammalati, nella difficoltà e nella prova della malattia; e il suo Vangelo breve ed incisivo ricordi a voi, cari sposi novelli, “l’importanza della preghiera nel percorso matrimoniale che avete intrapreso”.




Sede Nazionale via Breda 18 Castel Mella (BS) Tel. 030 2583972

Aggiungi ai preferitiAggiungi questo sito ai preferiti

Webmaster: cogio

Le foto non di proprietà di FNC sono state reperite in rete, se qualcuna di queste dovesse essere coperta da diritti d'autore, siete pregati di segnalarcelo. Provvederemo a rimuoverle.