Torna all'homepage
Comunicati
 
 
CARTA DEI DIRITTI
LO STATUTO
MODULO ISCRIZIONE
SEDI REGIONALI




Scrivici

13 September, 2016

FNC E IL COMITATO DIFENDIAMO I NOSTRI FIGLI A MASSA
di - FNC


VENERDI 16 SETTEMBRE, ORE 21
AUDITORIUM DELLA PARROCCHIA S. PIO X
VIA ROSSELLI - MASSA





13 June, 2016

MANIFESTO PER LA LIBERTÀ DI EDUCAZIONE
di -


L’associazione famiglie numerose cattoliche aderisce all’ iniziativa promossa dal Comitato difendiamo i nostri figli e sarà presente alla manifestazione a Roma il 25/06/16
presidente FNC
Vittorio Lodolo D’Oria

Il Comitato Difendiamo i Nostri Figli, promotore delle manifestazioni di piazza San Giovanni e del Circo Massimo, nelle quali, il 20 giugno e il 30 gennaio, centinaia di migliaia di famiglie hanno detto STOP GENDER nelle scuole,
CONSIDERATO

che il Ministero dell'Istruzione dell'Università e della Ricerca, al lavoro nel tavolo tecnico che emanerà le Linee Guida sul comma 16 della Legge n. 107/2015, non ha dato alcun riscontro alle proposte elaborate da esperti in collaborazione con il Comitato DNF ed inviate insieme alle segnalazioni di aspetti critici, per i quali la nobile lotta alle discriminazioni e l'educazione alla parità dei sessi rischiano gravemente di essere strumentalizzate e veicolare l'ideologia Gender nelle scuole;
che il linguaggio ambiguo e strumentalizzabile, con cui diversi documenti ministeriali e molti progetti didattici sui temi in questione si esprimono, impne una netta presa di posizione delle Istituzioni

CHIEDE
che il MIUR si pronunci formalmente in favore della libertà educativa delle famiglie, ufficializzando alcune posizioni chiare a garanzia di tale tutela:
1) VALIDITÀ DEL CONSENSO INFORMATO PREVENTIVO da richiedere ai genitori su tutte le attività extracurriculari che attengono a temi educativi sensibili e divisivi tra le famiglie (relativi alla sfera etica,
affettiva e religiosa) e alle attività normate dal comma 16, Legge n. 107/2015 -in coerenza con quanto garantito nella Nota Prot. AOODGSIP n.4321 del 6/07/201 -anche per la quota parte facoltativa che la scuola intende proporre in orario scolastico, a salvaguardia della libertà di educazione dei genitori.
Le proposte di natura extracurricolare legate alle tematiche del comma 16, Legge n. 107/2015 siano spiegate dettagliatamente, per consentire alle famiglie una corretta comprensione dei progetti offerti e l'espressione di un assenso pienamente consapevole.
2) ESONERO DA PROGETTI DIDATTICI E PERCORSI EDUCATIVI NON CONDIVISI, in caso di mancato assenso delle famiglie.
3) GARANZIA DI ATTIVITÀ ALTERNATIVE per coloro che non parteciperanno a tali iniziative, onde evitare assenze ingiustificate che si porrebbero in contrasto con il diritto allo studio.
4) IMPEGNO delle scuole e dell'Amministrazione scolastica, ad ogni livello, di estendere la collaborazione con tutte le associazioni di genitori, senza privilegi o discriminazioni, nel progettare iniziative di educazione alla parità tra i sessi e relative a tutte le tematiche in attuazione del comma 16, Legge n. 107/2015.
CHIEDE
che nel testo delle suddette Linee guida in elaborazione:
-si leghi il concetto di genere a quello di sesso (peraltro utilizzato nella stessa Costituzione, art.3), onde evitare le derive ideologiche che hanno portato alla moltiplicazione scriteriata di infinite, presunte “identità di genere”;
-si richiami espressamente la Circolare del 15 settembre 2015, Prot. AOODPIT n.1972, ove afferma “che tra i diritti e i doveri e tra le conoscenze da trasmettere non rientrano in nessun modo né 'ideologie gender' né l’insegnamento di pratiche estranee al mondo educativo”.
INVITA
tutte le associazioni, i comitati di genitori, le realtà educative del Paese a sottoscrivere tale manifesto, perché con una significativa protesta pubblica presso il MIUR venga ribadito il primato educativo dei genitori, riconosciuto dall’ art. 30 della Costituzione e dall’ art. 26 della Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo.
aderisci e sostieni il MANIFESTO PER LA LIBERTÀ DI EDUCAZIONE
diffondi e condividi per dire
Invia una mail con l’adesione della tua associazione a scuola@difendiamoinostrifigli.it
Roma, 4 giugno 2016 Comitato Difendiamo i Nostri Figli

23 April, 2016

Il nuovo presidente FNC si presenta agli associati
di - FNC


Entriamo oramai nel 9° anno di vita e attività della nostra associazione e dobbiamo esserne più che mai onorati, non tanto per quanto abbiamo fatto finora, ma per quanto ci resta da fare. Ci corre innanzitutto l’obbligo di ringraziare Gianni e Cristina Archetti che, nelle vesti di presidenti, hanno guidato FNC con dedizione e sacrificio in questi anni travagliati. Hanno mantenuto la barra a dritta sui “Principi non modificabili”, rifiutandosi di cedere al canto delle sirene che imponevano una deriva verso i beni materiali di cui certamente necessitano le famiglie. Anche per il futuro non si prevede un cambio di rotta, riservando i nostri sforzi a tutelare quei valori che costituiscono l’essenza dell’uomo prima ancora del pane che lo nutre.
Tra due anni assisteremo alla ricorrenza del famigerato 1968 che ha segnato in modo nefasto la società. Furono contestualmente aggredite le due agenzie educative per eccellenza, la famiglia e la scuola, addirittura mettendo l’una contro l’altra. Nella scuola il ’68 si rivelò essere la Rivoluzione cinese in salsa occidentale, mentre nella famiglia annullò il potere patriarcale prima, e genitoriale poi, all’insegna dello slogan “Vietato vietare”. Il livellamento del sistema fu assoluto, cancellando cattedra e pedana ai docenti nella scuola ed equiparando i ruoli di figli e genitori, rendendoli solamente “amici” alla stregua di semplici coetanei. Le generazioni che oggi ne sono derivate sono fragili e insicure con idee confuse ma spesso arroganti.
Dopo il ’68 vennero il divorzio nel ’70 e l’aborto nel ’78, che andavano a intaccare la struttura a croce della famiglia (asse verticale costituito dalle generazioni e asse orizzontale costituito dai generi maschile e femminile). Se l’aborto è servito alla generazione adulta come strumento per disfarsi di figli indesiderati, l’eutanasia ora in discussione alla Camera garantirà domani la possibilità di disfarsi dell’anziano o del disabile. Ma la corsa verso l’autodistruzione non si ferma qui: sono state approvate le leggi sul doppio cognome (mancava proprio un’altra questione per far litigare i coniugi) e il divorzio express che già stiamo trasformando in divorzio lampo. Sono seguiti il riconoscimento delle unioni civili e di quelle omosessuali che pretendono di essere equiparate al matrimonio. Tutte operazioni per giunta capitanate da politici democristiani, sedicenti cattolici, di vecchia e nuova generazione: Colombo, Leone, Andreotti, Prodi, Bindi, Renzi e via discorrendo.
Ma se tutto questo è stato possibile, lo dobbiamo anche alla maggioranza silenziosa che ha assistito con indifferenza a questa deriva, innescata da uno sparuto gruppo di “radicali liberisti” fiancheggiato da lobby gay, logge massoniche e gruppi industriali multinazionali. In tutto ciò FNC si assegna il ruolo evangelico di “lievito nella massa” e di “sale della terra”. Siamo e restiamo deboli e pochi per non abdicare a questo ruolo, ma fortemente consapevoli di non poterci tirare indietro, soprattutto per quel “Non Praevalebunt” che ci è stato promesso.
FNC cercherà di ricostruire quell’alleanza genitori-insegnanti che è stata distrutta nel già evocato ’68. Spiegheremo agli adulti che solo tutelando la salute e l’autorità dei docenti potremo avere una buona educazione e istruzione per i nostri ragazzi e agli insegnanti faremo capire che riuscire nel difficile compito di formare le future generazione è possibile solo operando congiuntamente.
23 Aprile 2016
Vittorio Lodolo D’Oria


Pagina: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16   

Sede Nazionale via Breda 18 Castel Mella (BS) Tel. 030 2583972

Aggiungi ai preferitiAggiungi questo sito ai preferiti

Webmaster: cogio

Le foto non di proprietà di FNC sono state reperite in rete, se qualcuna di queste dovesse essere coperta da diritti d'autore, siete pregati di segnalarcelo. Provvederemo a rimuoverle.